Blog

><

Jalapeño: sapore e storia in una chips

Un’azienda storica, riconoscibile e amata come Crik Crok ha un doppio impegno verso i propri consumatori: mantenere intatta quell’anima consolidata negli anni e non smettere mai di rinnovarsi e offrire dei prodotti nuovi.   

Noi di Crik Crok abbiamo ben in mente questa missione, e vogliamo che tu sia sempre sicuro di poter trovare il tuo gusto “storico” preferito, ma anche fartene conoscere di nuovi, creare sapori inediti e squisiti.

È proprio da questo obiettivo che, nella grande opera di restyling che ha coinvolto il nostro logo e i pack delle chips, abbiamo deciso di inserire dei nuovi gusti.

Ecco quindi come lo jalapeño, una tipologia di peperoncino che oltre a essere tra i più amati, ha anche una grande storia alle spalle.

La storia antichissima dello jalapeño

Tra le enormi meraviglie che i coloni europei si trovarono davanti al loro arrivo nelle Americhe c’erano anche una serie di frutti, piante e ortaggi che non avevano mai visto.

Quando, nel 1517, gli spagnoli arrivarono in Messico, furono immediatamente colpiti da una pianta dai frutti peculiari che venivano utilizzati nelle più svariate forme e in tantissime pietanze.

Si trattava dello jalapeño.

Talmente tante erano le funzioni dello jalapeño, che anche il suo nome ha assunto diverse forme a seconda del particolare utilizzo. Il nome jalapeño è il più famoso e utilizzato, e si riferisce alla zona dove la tradizione vuole che si sia iniziato a coltivarlo. È la città di Jalapa, capitale dello stato di Veracruz. In alcune regioni sudamericane, invece, è maggiormente conosciuto con il nome di “chile gordo” (peperoncino grasso). Il nome è dovuto al suo spessore, e quindi alla predisposizione a farcirlo.

Che lo jalapeño sia un alimento particolarmente legato alla cultura locale messicana, lo si può facilmente intendere da un altro suo appellativo, “Cuaresmeño”.

Come è facile comprendere anche in italiano, si riferisce alla tradizione di mangiarlo farcito di pesce, verdure, uova o formaggio nel periodo della Quaresima.

Le caratteristiche e le peculiarità dello jalapeño

Se lo jalapeño è così amato in tutto il mondo, lo si deve al suo sapore deciso ma non eccessivamente piccante. Questa caratteristica lo rende appetibile anche a chi non è appassionato di piccante, che riesce comunque a godersi il suo gusto intenso.

Il frutto di jalapeño, tra l’altro, può essere gustato in diverse fasi della sua maturazione: da quando è ancora verde e meno piccante fino al periodo della piena maturazione (che avviene ad agosto), quando è rosso e di una piccantezza più accentuata.

Una pietanza tradizionale del centro e Sud America, il Chipotle, si ottiene invece con lo jalapeño colto nel massimo della sua maturazione, quando il suo colore è tra il rosso e il marrone.

Viene fatto poi affumicare per circa sei giorni.

Il gusto jalapeño nella nostra linea Plus

Con le nostre chips al sapore di jalapeño, che troverai nella linea Plus, abbiamo voluto soddisfare tutti i palati. A un primo assaggio, infatti, la piccantezza decisa dello jalapeño viene subito smorzata dalle note dolci della paprika, che permettono l’ascesa graduale del gusto intenso dello jalapeño.

Questo processo rende il sapore generale della chips armonico e bilanciato.

È adatto a qualsiasi tipo di consumazione: dallo snack, all’aperitivo o una serata davanti alla tv. Le chips Crik Crok al gusto jalapeño saranno sempre la scelta giusta.

11.02.21